Ricetta della zuppa inglese di famiglia

zuppa inglese

Se è un dolce tipico emiliano-toscano, perchè la chiamiamo inglese?? 

Eh, sembra che il termine “inglese” derivi da un antenato del nostro dolce che potrebbe essere stato rivisitato in onore dei duchi d’Este: il Trifle, quello che mia Nonna chiamerebbe “Tre Ugo, Tre Ugo“, ovvero un ‘pasticcio’ di crema e pan di spagna imbibiti con lo Sherry. 

Il termine “zuppa”, invece, indica potrebbe derivare dalla Toscana, da lì deriva la Zuppa del Duca commissionata da Cosimo de’ Medici per il Duca Ippolito da Correggio come segno di pace. Così come c’è chi racconta storie simili per Roma e Napoli.

Noi, invece, vogliamo credere sia emiliana. Anzi, ne siamo certi! A nostro favore citiamo il pasticcere Vincenzo Agnoletti che preparò la zuppa per la Duchessa Maria Luisa di Parma. Ma basta tergiversare, mi è venuta fame!

Cos’è la zuppa inglese

E’ tutta questione di strati: crema pasticcera “gialla”, savoiardi o pan di spagna imbibiti di Alchermes (ed eventualmente Rosolio), crema al cioccolato. E via così, senza paura di eccedere con gli strati sebbene la versione classica ne preveda solo due abbondanti. 

E ora sono pronta a darvi la ricetta della zuppa inglese della mia famiglia 🙂

Ricetta della zuppa inglese

INGREDIENTI – per 4/6 persone

Per la crema pasticcera classica

4 tuorli (80 g circa)

170 g di zucchero semolato

40 g di amido di riso o mais

500 g di latte intero

Per la crema pasticcera al cioccolato

4 albumi (120 g circa)

160 g di zucchero semolato

35 g di amido di riso o mais

500 g di latte intero

70 g di cioccolato fondente 70%

Per comporre

20 savoiardi oppure qualche fetta di pan di spagna

200 g di Alchermes

100 g di acqua

30 g di zucchero semolato

 

PROCEDIMENTO

Prima di iniziare, so che ve lo starete chiedendo. Crema pasticcera con gli albumi?! Sì, per tre motivi:

  1. Per non sprecare i quattro albumi avanzati dalla crema classica;
  2. perché aggiungendo il cioccolato apporterete altre percentuali di grassi e zuccheri che, se sommati ai valori del tuorlo, renderebbero tutto molto pesante e calorico;
  3. perché viene benissimo e nessuno se ne accorge!

Tra l’altro da noi è tradizione anche fare la “zuppa bianca”, così.

ricetta della zuppa inglese


Divagazioni a parte, preparate le due creme, facendo prima quella gialla con soli tuorli poi quella al cioccolato con gli albumi.

Se volete velocizzare un po’ il tutto scaldate il latte in un pentolino mentre sbattete le uova (tuorli o albumi), altrimenti usatelo da freddo (ci vorrà un po’ più di tempo per la cottura della crema). 

In una ciotola sbattete con una frusta tuorli o albumi con lo zucchero e l’amido setacciati, stemperate col latte e portate sul fuoco, dovrete mescolare energicamente finché la crema si addenserà. 

Fate bollire LEGGERMENTE, per pochi secondi, poi togliete dal fuoco. La crema “gialla” va messa  in una ciotola pulita e coperta con pellicola a contatto; a quella “bianca” di soli albumi va aggiunto il cioccolato a pezzetti e fatto sciogliere, prima di coprirla. 

Preparate anche la bagna sciogliendo lo zucchero nell’acqua e aggiungendo i due liquori. Con questa bagna dovrete inzuppare i savoiardi o il pan di spagna tagliato a fette di 1 cm. 

Quando avete tutti gli elementi prendete una pirofila/teglia o tanti bicchieri da monoporzione. Partite con un primo strato di crema al cioccolato, savoiardi o pan di spagna inzuppati e uno strato di crema pasticcera classica. 

Già con due strati avrete ottenuto il perfetto risultato, ma provate a sovrapporne svariati e, oltre a un bell’effetto visivo, avrete un ottimo gusto!

Prima di servirla è bene lasciar riposare la zuppa inglese in frigorifero, così la crema si rassoderà e prenderà più sapore. Poi sarà tutta questione di cucchiaiate! 

ricetta della zuppa inglese

Sappiate solo che non durerà molto.. E’ troppo buona per restare in frigorifero 🙂

Se sei finito qui c’è sicuramente un BUON motivo!

Ogni ricetta, ogni articolo, ogni guida su questo sito è provata/scritta da me quindi, nel caso tu li trovi utili o interessanti, condividili con chi vuoi 🙂

Se ti va puoi seguirmi anche sui Social (Instagram, Facebook, Youtube, Pinterest) e se provi una ricetta o segui un mio consiglio taggami, così potrò saperlo! Per me significa molto!

Inoltre, per rimanere sempre aggiornato su ricette, guide di viaggio e non solo, iscriviti alla Newsletter. Riceverai solo un’email a settimana, ricca di interessanti contenuti da guardare e leggere 🙂

 
SCOPRI ALTRI ARTICOLI
imparare a cucinare

Carlotta Lolli Chef

Mi chiamo Carlotta, sono nata a Marzo e amo la natura in tutte le sue forme. Lavoro come Chef a domiciliopreparo torte artigianali e “sforno” anche contenuti digitali per il mio blog o per le aziende.

Dal Blog

Ultimi articoli