fbpx

Risotto al pomodoro con acqua di mozzarella

risotto al pomodoro

Come ben sapete, ormai 6 anni fa ho frequentato una super scuola di cucina e di ricette, nozioni, sicuramente ne ho imparete MA.. chef e alunni avevano la brutta abitudine di buttare via un sacco di ingredienti: avanzi, alimenti imperfetti, prodotti non perfettamente torniti.

Io, forte degli insegnamenti della Nonna, non ho mai sopportato né capito questo scempio, come lo definisco. Tant’è che la mia cucina di allora e, ancor di più, quella attuale fanno dello scarto, dell’imperfetto, un punto di forza.

Acqua di mozzarella

Lo “scarto protagonista” di oggi è l’acqua di governo delle mozzarelle, insomma il liquido in cui vengono conservate mozzarelle, bufale, ecc..

E’ perfettamente commestibile, lo sapevate? Quasi sempre è composta da acqua, sale e al più acido citrico (che si trova anche negli agrumi). Lo so, lo so, l’avete sempre buttata.. ma si può cambiare, no?!

Oggi la usiamo per un saporitissimo risotto al pomodoro e basilico 🌱 ma vi assicuro che potete farci anche altre ricette, prima o poi ve le mostro tutte 😉

L’acqua di mozzarella vi permetterà di dare più sapore e di limitare il sale. D’ora in poi non la butterete più vero?! La potete anche congelare e tirare fuori al bisogno!

Risotto al pomodoro

risotto al pomodoro


Ingredienti -per 2 persone-


160 g di riso Carnaroli o Arborio

Mezzo bicchiere di vino bianco secco

Olio evo q.b.

Sale, pepe q.b.

Un bicchiere di passata di pomodoro (oppure 3 pomodori da frullare)

Acqua o brodo vegetale per la cottura

Una manciata di foglie di basilico

Una mozzarella di bufala o 2 fiordilatte, CON la loro acqua di governo (acqua in cui sono immerse, conservatela!)

Procedimento

Tostate il riso in una casseruola dai bordi alti, a secco (=senza olio, senza cipolla, senza niente).
Dopo qualche minuto, quando il riso “canta” -se ascoltate- o scotta -se toccate-, sfumate con un goccio di vino bianco secco e lasciate evaporare. Un mestolo di acqua calda o brodo, un bel pizzico di sale e iniziate la cottura.
A metà tempo, dopo circa 8-10 minuti, aggiungete un bicchiere di passata di pomodoro o, ancora meglio, della polpa di pomodoro crudo.


Ora, in base a quanta acqua di mozzarella avete potete fare due cose:
-se ne avete tanta (tipo quella di una bufala o di tre/quattro mozzarelle) la usate per finire di cuocere il riso;
-se ne avete poca la tenete per la mantecatura.
Io, comunque, vi consiglio di tenerne sempre un goccio per quest’ultima fase 👌🏻

Dopo circa 16 minuti il riso sarà pronto (assaggiate eh!), regolate di sale, pepe e preparatevi alla fase clue..
Versate l’acqua di mozzarella, un filo d’olio extravergine (magari insaporito coi gambi di basilico), spegnete il fuoco e via a mescolare energicamente.


Non lo fate asciutto questo benedetto risotto al pomodoro, che poi vi viene un pastone per galline, non un risotto all’onda 🙈
5 minuti di riposo (no non per voi 🤣) per il riso e potete servirlo con foglioline di basilico e straccetti di mozzarella sopra.

Se sei finito qui c’è sicuramente un BUON motivo!

Ogni ricetta, ogni articolo, ogni guida su questo sito è provata/scritta da me quindi, nel caso tu li trovi utili o interessanti, condividili con chi vuoi 🙂

Se ti va puoi seguirmi anche sui Social (Instagram, Facebook, Youtube, Pinterest) e se provi una ricetta o segui un mio consiglio taggami, così potrò saperlo! Per me significa molto!

Inoltre, per rimanere sempre aggiornato su ricette, guide di viaggio e non solo, iscriviti alla Newsletter. Riceverai solo un’email a settimana, ricca di interessanti contenuti da guardare e leggere 🙂

SCOPRI ALTRI ARTICOLI
pasta con crema di anacardi

Pasta con crema di anacardi, una cacio e pepe vegan

Quasi 9 anni di blog e di progetti, queste pagine, ne hanno visti passare! Aziende e colleghi che sono passati solo per un saluto, amici e belle collaborazioni che sono rimaste nel tempo. Da qualche settimana, come vi ho anticipato su Instagram, ho ripreso la collaborazione con Chico Mendes Modena,

clafoutis di ciliegie

Clafoutis di ciliegie di Vignola, il dolce dell’estate

Ahhh le prime ciliegie, quanto le aspettavo! Resistere alla tentazione di mangiarle per preparare un dolce è difficile ma vi assicuro che questo clafoutis di ciliegie merita di essere provato! La stagione di raccolta delle ciliegie va da fine Maggio a inizio Luglio, cosa che sapete se avete tra le

ciambellone classico

Ciambellone classico, soffice e profumatissimo

Abbiamo preparato la ciambella allo yogurt su Youtube, senza burro, poteva mancare il ciambellone classico della Nonna? Quello burroso, profumatissimo e morbido che, sicuramente, hai già in mente leggendo questi tre aggettivi! Mia Nonna Marisa lo chiama “Suppòuna”, che significa dolce da inzuppare e, difatti, lo inzuppiamo nel caffelatte la

imparare a cucinare

Carlotta Lolli Chef

Mi chiamo Carlotta, sono nata a Marzo e amo la natura in tutte le sue forme. Lavoro come Chef a domiciliopreparo torte artigianali e “sforno” anche contenuti digitali per il mio blog o per le aziende.

Dal Blog

Ultimi articoli

pasta con crema di anacardi
Chico Mendes Modena
Carlotta

Pasta con crema di anacardi, una cacio e pepe vegan

Quasi 9 anni di blog e di progetti, queste pagine, ne hanno visti passare! Aziende e colleghi che sono passati solo per un saluto, amici e belle collaborazioni che sono rimaste nel tempo. Da qualche settimana, come vi ho anticipato su Instagram, ho ripreso la collaborazione con Chico Mendes Modena,

Leggi di più
clafoutis di ciliegie
Classici della pasticceria
Carlotta

Clafoutis di ciliegie di Vignola, il dolce dell’estate

Ahhh le prime ciliegie, quanto le aspettavo! Resistere alla tentazione di mangiarle per preparare un dolce è difficile ma vi assicuro che questo clafoutis di ciliegie merita di essere provato! La stagione di raccolta delle ciliegie va da fine Maggio a inizio Luglio, cosa che sapete se avete tra le

Leggi di più
ciambellone classico
Classici della pasticceria
Carlotta

Ciambellone classico, soffice e profumatissimo

Abbiamo preparato la ciambella allo yogurt su Youtube, senza burro, poteva mancare il ciambellone classico della Nonna? Quello burroso, profumatissimo e morbido che, sicuramente, hai già in mente leggendo questi tre aggettivi! Mia Nonna Marisa lo chiama “Suppòuna”, che significa dolce da inzuppare e, difatti, lo inzuppiamo nel caffelatte la

Leggi di più