fbpx

Il pesce al cartoccio: consigli e ricette

Tra le ricette più classiche, ma al tempo stesso tra le più apprezzate c’è il pesce al cartoccio: branzino, orata, dentice e chi ne ha più ne metta.
I tipi di cartoccio da realizzare sono tantissimi, basta essere un po’ creativi per mettere insieme gli ingredienti giusti, la tecnica però è sempre la stessa.
Vediamo insieme come realizzare un ottimo pesce al cartoccio.
 

Pesce al cartoccio

 


INGREDIENTI

Un pesce freschissimo eviscerato, squamato e pulito -orata, branzino, dentice..-

1 limone o un bicchiere di vino bianco secco

Erbette aromatiche (prezzemolo, basilico, menta, salvia, timo)

Sale, pepe e olio evo q.b.

Carta da forno


PROCEDIMENTO

Una volta pulito il pesce, che lo facciate voi o il vostro pescivendolo, dovete inciderne leggermente sia l’interno che l’esterno.

Facendo così ci assicuriamo che la marinatura e il condimento raggiungano tutta la carne.

Preparate una marinatura fatta con sale fino, olio extravergine d’oliva e succo di limone/vino bianco, in proporzioni di circa un cucchiaio di sale, 5 di olio e due di vino.

Aggiungete a piacere aromi quali scorze d’agrume -o fette-, spezie ed erbette aromatiche.

‘Spalmate’ la marinatura sia all’interno che esterno del pesce, massaggiando bene per farla penetrare nella sua polpa.

Lasciate insaporire per circa mezz’ora poi trasferite il pesce su un foglio di carta forno. 

Prima di chiudere il pesce al cartoccio potete aggiungere verdure -pomodori, zucchine, peperoni..- e altri aromi. 

Unite i lati opposti lunghi e cominciate ad arrotolare la carta da un lato, in modo da chiudere il vostro cartoccio. 

Infornate a 175°C, forno statico, per circa 25-40 minuti in base alla dimensione del pesce. 

Controllate la cottura spostando la polpa con una forchetta, dovrà essere bianca ma ancora succosa. 

A parte potete preparare un condimento creando un’emulsione di succo di limone e olio con un pizzico di sale ed erbette. 

Una volta aperto il cartoccio si sprigioneranno tutti gli aromi di cottura, perciò eseguite questa operazione davanti ai vostri ospiti. 

L’importante quando si prepara il pesce al cartoccio è tenerne controllato il grado di cottura. Cinque minuti in più significano un pesce secco, stopposo, cinque in meno uno crudo. 

Per pesci medio-piccoli 25 minuti sono abbastanza, mentre per pesci più grandi siamo sui 30-40.

Tenete sempre ‘idratato’ il vostro pesce mettendo nel cartoccio una marinatura liquida, acquosa e accompagnandolo con una salsa a fine cottura. 

 

Se sei finito qui c’è sicuramente un BUON motivo!

Ogni ricetta, ogni articolo, ogni guida su questo sito è provata/scritta da me quindi, nel caso tu li trovi utili o interessanti, condividili con chi vuoi 🙂

Se ti va puoi seguirmi anche sui Social (Instagram, Facebook, Youtube, Pinterest) e se provi una ricetta o segui un mio consiglio taggami, così potrò saperlo! Per me significa molto!

Inoltre, per rimanere sempre aggiornato su ricette, guide di viaggio e non solo, iscriviti alla Newsletter. Riceverai solo un’email a settimana, ricca di interessanti contenuti da guardare e leggere 🙂

SCOPRI ALTRI ARTICOLI
pasta con crema di anacardi

Pasta con crema di anacardi, una cacio e pepe vegan

Quasi 9 anni di blog e di progetti, queste pagine, ne hanno visti passare! Aziende e colleghi che sono passati solo per un saluto, amici e belle collaborazioni che sono rimaste nel tempo. Da qualche settimana, come vi ho anticipato su Instagram, ho ripreso la collaborazione con Chico Mendes Modena,

clafoutis di ciliegie

Clafoutis di ciliegie di Vignola, il dolce dell’estate

Ahhh le prime ciliegie, quanto le aspettavo! Resistere alla tentazione di mangiarle per preparare un dolce è difficile ma vi assicuro che questo clafoutis di ciliegie merita di essere provato! La stagione di raccolta delle ciliegie va da fine Maggio a inizio Luglio, cosa che sapete se avete tra le

ciambellone classico

Ciambellone classico, soffice e profumatissimo

Abbiamo preparato la ciambella allo yogurt su Youtube, senza burro, poteva mancare il ciambellone classico della Nonna? Quello burroso, profumatissimo e morbido che, sicuramente, hai già in mente leggendo questi tre aggettivi! Mia Nonna Marisa lo chiama “Suppòuna”, che significa dolce da inzuppare e, difatti, lo inzuppiamo nel caffelatte la

imparare a cucinare

Carlotta Lolli Chef

Mi chiamo Carlotta, sono nata a Marzo e amo la natura in tutte le sue forme. Lavoro come Chef a domiciliopreparo torte artigianali e “sforno” anche contenuti digitali per il mio blog o per le aziende.

Dal Blog

Ultimi articoli

pasta con crema di anacardi
Chico Mendes Modena
Carlotta

Pasta con crema di anacardi, una cacio e pepe vegan

Quasi 9 anni di blog e di progetti, queste pagine, ne hanno visti passare! Aziende e colleghi che sono passati solo per un saluto, amici e belle collaborazioni che sono rimaste nel tempo. Da qualche settimana, come vi ho anticipato su Instagram, ho ripreso la collaborazione con Chico Mendes Modena,

Leggi di più
clafoutis di ciliegie
Classici della pasticceria
Carlotta

Clafoutis di ciliegie di Vignola, il dolce dell’estate

Ahhh le prime ciliegie, quanto le aspettavo! Resistere alla tentazione di mangiarle per preparare un dolce è difficile ma vi assicuro che questo clafoutis di ciliegie merita di essere provato! La stagione di raccolta delle ciliegie va da fine Maggio a inizio Luglio, cosa che sapete se avete tra le

Leggi di più
ciambellone classico
Classici della pasticceria
Carlotta

Ciambellone classico, soffice e profumatissimo

Abbiamo preparato la ciambella allo yogurt su Youtube, senza burro, poteva mancare il ciambellone classico della Nonna? Quello burroso, profumatissimo e morbido che, sicuramente, hai già in mente leggendo questi tre aggettivi! Mia Nonna Marisa lo chiama “Suppòuna”, che significa dolce da inzuppare e, difatti, lo inzuppiamo nel caffelatte la

Leggi di più