fbpx

Pane naan fatto in casa, ricetta indiana

pane naan

Il pane naan è un lievitato tipico della cucina orientale, in particolare quella indiana. Non è il classico pane a cui siamo abituati noi, difatti assomiglia a una piadina spessa il cui interno è vuoto, il che lo rende perfetto per essere farcito o ripiegato e accompagnato con curry o altri piatti speziati.

Ti piace la cucina etnica? Ho un’intera sezione dedicata sul blog 😉

Oggi lo vediamo nella sua versione originale, con lievito di birra, ma sappi che puoi farlo anche utilizzando del bicarbonato oppure senza lievito (magari usando acqua gasata al posto dello yogurt oppure piegando molte volte l’impasto su sè stesso). 

Ti interessa saperne di più sui lieviti? Ho scritto un articolo a riguardo 😉

 

Pane Naan

pane naan

Ingredienti -per 5 naan-

300g di farina di media forza

230 g di yogurt bianco non zuccherato

5g di sale fino

3g di lievito di birra secco oppure 4g di bicarbonato

 

Per la versione senza lievito: 300g di farina di media forza, 100 g di yogurt bianco, 130 g di acqua gasata, 5 g di sale

 

Procedimento

Sciogliamo il lievito o bicarbonato in un goccio d’acqua (circa 25g) e uniamolo alla farina, allo yogurt e al sale. Impastiamo per ottenere un panetto liscio e omogeneo. Se necessario aggiungiamo un altro po’ d’acqua, la consistenza deve essere morbida ma non molle. 

Copriamo l’impasto e lo lasciamo “rilassare” per almeno 20 minuti se abbiamo usato il bicarbonato, altrimenti 3h se abbiamo usato il lievito. Dopodiché lo dividiamo in pagnotte da circa 100g che arrotoliamo e copriamo nuovamente. Lasciamo riposare per circa 40 minuti poi iniziamo a stendere col mattarello.

Cerchiamo di mantenere una forma tondeggiante e uno spessore di circa 5 mm.

Scaldiamo una pentola antiaderente sul fuoco o, in alternativa, accendiamo il forno a 190°C.

Prendiamo un disco di pane naan e lo cuociamo in padella o sul FONDO del forno: nel primo caso, a fiamma viva, scottiamo il naan su un lato, giriamo e aspettiamo che si gonfi. Cuociamo finché avrà le tipiche bollicine marroncine su entrambi i lati.

In forno cuociamo per circa 10 minuti o finché non sarà ben dorato. 

Impiliamo i naan in un piatto e siamo pronti per servirli con un buon curry di pollo o verdure!

pane naan

N.B.: dopo essersi gonfiato il vostro pane naan si sgonfierà ma rimarrà comunque buonissimo. Il procedimento è piuttosto divertente perciò, magari, fatelo insieme ai bambini!

Se sei finito qui c’è sicuramente un BUON motivo!

Ogni ricetta, ogni articolo, ogni guida su questo sito è provata/scritta da me quindi, nel caso tu li trovi utili o interessanti, condividili con chi vuoi J

Se ti va puoi seguirmi anche sui Social (Instagram, Facebook, Youtube, Pinterest) e se provi una ricetta o segui un mio consiglio taggami, così potrò saperlo! Per me significa molto!

Inoltre, per rimanere sempre aggiornato su ricette, guide di viaggio e non solo, iscriviti alla Newsletter. Riceverai solo un’email a settimana, ricca di interessanti contenuti da guardare e leggere 🙂

SCOPRI ALTRI ARTICOLI
pasta con crema di anacardi

Pasta con crema di anacardi, una cacio e pepe vegan

Quasi 9 anni di blog e di progetti, queste pagine, ne hanno visti passare! Aziende e colleghi che sono passati solo per un saluto, amici e belle collaborazioni che sono rimaste nel tempo. Da qualche settimana, come vi ho anticipato su Instagram, ho ripreso la collaborazione con Chico Mendes Modena,

clafoutis di ciliegie

Clafoutis di ciliegie di Vignola, il dolce dell’estate

Ahhh le prime ciliegie, quanto le aspettavo! Resistere alla tentazione di mangiarle per preparare un dolce è difficile ma vi assicuro che questo clafoutis di ciliegie merita di essere provato! La stagione di raccolta delle ciliegie va da fine Maggio a inizio Luglio, cosa che sapete se avete tra le

ciambellone classico

Ciambellone classico, soffice e profumatissimo

Abbiamo preparato la ciambella allo yogurt su Youtube, senza burro, poteva mancare il ciambellone classico della Nonna? Quello burroso, profumatissimo e morbido che, sicuramente, hai già in mente leggendo questi tre aggettivi! Mia Nonna Marisa lo chiama “Suppòuna”, che significa dolce da inzuppare e, difatti, lo inzuppiamo nel caffelatte la

imparare a cucinare

Carlotta Lolli Chef

Mi chiamo Carlotta, sono nata a Marzo e amo la natura in tutte le sue forme. Lavoro come Chef a domiciliopreparo torte artigianali e “sforno” anche contenuti digitali per il mio blog o per le aziende.

Dal Blog

Ultimi articoli

pasta con crema di anacardi
Chico Mendes Modena
Carlotta

Pasta con crema di anacardi, una cacio e pepe vegan

Quasi 9 anni di blog e di progetti, queste pagine, ne hanno visti passare! Aziende e colleghi che sono passati solo per un saluto, amici e belle collaborazioni che sono rimaste nel tempo. Da qualche settimana, come vi ho anticipato su Instagram, ho ripreso la collaborazione con Chico Mendes Modena,

Leggi di più
clafoutis di ciliegie
Classici della pasticceria
Carlotta

Clafoutis di ciliegie di Vignola, il dolce dell’estate

Ahhh le prime ciliegie, quanto le aspettavo! Resistere alla tentazione di mangiarle per preparare un dolce è difficile ma vi assicuro che questo clafoutis di ciliegie merita di essere provato! La stagione di raccolta delle ciliegie va da fine Maggio a inizio Luglio, cosa che sapete se avete tra le

Leggi di più
ciambellone classico
Classici della pasticceria
Carlotta

Ciambellone classico, soffice e profumatissimo

Abbiamo preparato la ciambella allo yogurt su Youtube, senza burro, poteva mancare il ciambellone classico della Nonna? Quello burroso, profumatissimo e morbido che, sicuramente, hai già in mente leggendo questi tre aggettivi! Mia Nonna Marisa lo chiama “Suppòuna”, che significa dolce da inzuppare e, difatti, lo inzuppiamo nel caffelatte la

Leggi di più