fbpx

Insaporitori naturali: 10 idee fai da te

Dopo aver parlato di ricette e spunti torniamo alle basi, prepariamo 10 insaporitori naturali da fare in casa e tenere sempre pronti in dispensa.

Nel mio Meal Prep, almeno una volta al mese, mi dedico agli insaporitori così li ho sempre a disposizione per impreziosire e condire ricette salate e dolci.

Dieci insaporitori naturali da avere sempre in dispensa

1. Burro di frutta secca

insaporitori naturali

Nel mixer inserisco 200 g di frutta secca a piacere, tostata o no, con buccia o pelata, con 20 g di olio di semi neutro.

Lascio frullare fino a ottenere una crema liscia e omogenea. La verso in un barattolo di vetro e conservo in dispensa per qualche mese.

2. Sesamo: semi, gomasio, tahina

insaporitori naturali

Per il sale frullo per qualche minuto 10 parti di sesamo (es. 100g) e 1 di sale (10g). Non deve essere troppo fine. Una volta pronto lo metto in un vasetto e lo conservo in dispensa per un mesetto o in frigo per più tempo.

Per la tahina tosto 200 g di sesamo e poi li frullo con un goccio di olio di semi, lascio frullare finché non ottengo una crema liscia. Verso in un barattolo e conservo in dispensa per qualche mese.

3. Sale aromatizzato al sedano

insaporitori naturali

Un sedano di medie dimensioni

100 g di sedano

Frullo tutto nel mixer e metto in un vasetto capiente. Conservo in frigo o freezer.

Se preferite, potete usare sedano essiccato in forno o essiccatore, prolungherete di molto la durata!

4. Aglione

insaporitori naturali

Trito o frullo 5 spicchi d’aglio, 10-15 foglie di salvia, 3 rametti di rosmarino com 400 g di sale grosso. Quando gli elementi sono ben tritati metto tutto in un vasetto di vetro e conservo in freezer o frigo per qualche mese.

5. Estratto di vaniglia

6. Scorza e succo di limone

7. Dado vegetale fresco e soffritto

insaporitori naturali

Per il dado frullo in un mixer:

200g di scarti di verdura (#cucinosenzasprechi) o anche verdure intere: carota, sedano, cipolla

50 g di sale fino

Io lo conservo fresco in sacchetti a chiusura ermetica, steso sottile e congelato così posso spezzarne piccoli pezzi al bisogno.

Per la versione secca, a dado, è necessario essiccare le verdure e il sale: prima li frulli, poi li metti a essiccare in forno a 90°C per circa 2-3 ore (fai uno strato sottile) e infine trasferisci in un vasetto.

Per il soffritto frullo solo le verdure e le conservo in frigo.

8. Olio aromatizzato

Scaldo leggermente dell’olio di oliva poi aggiungo una manciata di spicchi d’aglio oppure erbe aromatiche, scorza di agrume.. Lascio insaporire per una-due settimane, coperto ma tenendolo agitato per lasciar circolare l’ossigeno.

Poi filtro, verso in un vasetto e conservo per qualche settimana.

9. Burro alle erbe

Frullo 200 g di burro con qualche rametto di timo, erba cipollina o altre erbe a piacere. Metto in un vasetto e conservo in frigo o freezer per circa un mese.

10. Prezzemolo: olio, polvere, clorofilla

Ho ancora tante idee per gli insaporitori naturali, cosa dici, nuovo articolo e video? 😉

Se sei finito qui c’è sicuramente un BUON motivo!

Ogni ricetta, ogni articolo, ogni guida su questo sito è provata/scritta da me quindi, nel caso tu li trovi utili o interessanti, condividili con chi vuoi 🙂

Se ti va puoi seguirmi anche sui Social (Instagram, Facebook, Youtube, Pinterest) e se provi una ricetta o segui un mio consiglio taggami, così potrò saperlo! Per me significa molto!

Inoltre, per rimanere sempre aggiornato su ricette, guide di viaggio e non solo, iscriviti alla Newsletter. Riceverai solo un’email a settimana, ricca di interessanti contenuti da guardare e leggere 🙂

SCOPRI ALTRI ARTICOLI
pasta con crema di anacardi

Pasta con crema di anacardi, una cacio e pepe vegan

Quasi 9 anni di blog e di progetti, queste pagine, ne hanno visti passare! Aziende e colleghi che sono passati solo per un saluto, amici e belle collaborazioni che sono rimaste nel tempo. Da qualche settimana, come vi ho anticipato su Instagram, ho ripreso la collaborazione con Chico Mendes Modena,

clafoutis di ciliegie

Clafoutis di ciliegie di Vignola, il dolce dell’estate

Ahhh le prime ciliegie, quanto le aspettavo! Resistere alla tentazione di mangiarle per preparare un dolce è difficile ma vi assicuro che questo clafoutis di ciliegie merita di essere provato! La stagione di raccolta delle ciliegie va da fine Maggio a inizio Luglio, cosa che sapete se avete tra le

ciambellone classico

Ciambellone classico, soffice e profumatissimo

Abbiamo preparato la ciambella allo yogurt su Youtube, senza burro, poteva mancare il ciambellone classico della Nonna? Quello burroso, profumatissimo e morbido che, sicuramente, hai già in mente leggendo questi tre aggettivi! Mia Nonna Marisa lo chiama “Suppòuna”, che significa dolce da inzuppare e, difatti, lo inzuppiamo nel caffelatte la

imparare a cucinare

Carlotta Lolli Chef

Mi chiamo Carlotta, sono nata a Marzo e amo la natura in tutte le sue forme. Lavoro come Chef a domiciliopreparo torte artigianali e “sforno” anche contenuti digitali per il mio blog o per le aziende.

Dal Blog

Ultimi articoli

pasta con crema di anacardi
Chico Mendes Modena
Carlotta

Pasta con crema di anacardi, una cacio e pepe vegan

Quasi 9 anni di blog e di progetti, queste pagine, ne hanno visti passare! Aziende e colleghi che sono passati solo per un saluto, amici e belle collaborazioni che sono rimaste nel tempo. Da qualche settimana, come vi ho anticipato su Instagram, ho ripreso la collaborazione con Chico Mendes Modena,

Leggi di più
clafoutis di ciliegie
Classici della pasticceria
Carlotta

Clafoutis di ciliegie di Vignola, il dolce dell’estate

Ahhh le prime ciliegie, quanto le aspettavo! Resistere alla tentazione di mangiarle per preparare un dolce è difficile ma vi assicuro che questo clafoutis di ciliegie merita di essere provato! La stagione di raccolta delle ciliegie va da fine Maggio a inizio Luglio, cosa che sapete se avete tra le

Leggi di più
ciambellone classico
Classici della pasticceria
Carlotta

Ciambellone classico, soffice e profumatissimo

Abbiamo preparato la ciambella allo yogurt su Youtube, senza burro, poteva mancare il ciambellone classico della Nonna? Quello burroso, profumatissimo e morbido che, sicuramente, hai già in mente leggendo questi tre aggettivi! Mia Nonna Marisa lo chiama “Suppòuna”, che significa dolce da inzuppare e, difatti, lo inzuppiamo nel caffelatte la

Leggi di più